Costume e società

Vacanze: 7 mete sicure

26 giugno 2017
img_9974.jpg

Ci siamo.È arrivato il tempo delle vacanze. Anche se questo è per definizione il tempo degli attentati e della crisi economica, le famiglie italiane non rinunciano alle tanto attese “ferie estive”.

Quindi, valigia alla mano e via!

Ma dove?

Le mete sono tante e sempre più organizzate online, il c.d. Turismo Digitale continua a progredire.

La società Ig, leader globale per il trading online, ha confrontato cinque variabili e le ha confrontate paese per paese creando uno schema utile per organizzare al meglio una vacanza.

Vi riporto l’articolo integrale de La Repubblica:

” Guerre, attentati e crisi economica, in parte superata, sembrano non scoraggiare gli italiani a farsi una vacanza all’estero. Ogni anno partono in 60 milioni e molti per farlo sono disposti anche a indebitarsi. Tant’è che dal primo gennaio al 31 maggio 2017 oltre 33 milioni di euro sono stati chiesti alle più svariate finanziarie o banche per sostenere i costi di viaggi a breve, medio o lungo raggio. Più o meno l’importo richiesto è di 5.000 euro, una cifra superiore del 7,7% rispetto al periodo precedente.
 Ma dove andare per spendere poco e viaggiare sicuri?
Le mete sono tante, come i desideri dei singoli, ma un’indicazione arriva dalla società Ig, leader globale per il trading online, che ha messo a confronto cinque variabili e le ha “pesate” paese per paese. Cominciamo dalla prima, il tasso di cambio favorevole, visto che l’euro grazie a una crescita economica migliore delle attese si sta apprezzando su molte valute, sterlina compresa che, complice la Brexit è andata giù sui mercati valutari. Il secondo elemento è il costo della vita, quindi il prezzo del biglietto aereo e il rischio Paese, cioé la sua sicurezza. In ultimo il clima. In alcuni Paesi asiatici è tempo di monsoni, dunque la pioggia è assicurata, mentre in Centro America è tempo uragani.
Presi questi cinque elementi e “ponderati” per bene, ne è venuta fuori una tabella curiosa e che probabilmente non tutti seguiranno, un po’ perchè alcuni sono viaggi lontani, un po’ perché alla fine ognuno ha in mente il viaggio dei suoi sogni, tant’è che per farlo è disposto a indebitarsi. Per il viaggio aereo, il calcolo, fatto utilizzando i maggiori motori di ricerca, prevede la partenza da Roma nelle settimane centrali di agosto (dal 6 al 21), tipicamente le più care se si sceglie di viaggiare in Italia.

Ciò detto la società Ig consiglia ai viaggiatori italiani sette mete in giro per il mondo. La prima, inaspettata, è l’Uzbekistan. Un paradiso dell’Asia centrale che per anni era difficile se non impossibile raggiungere (fu incluso nell’Unione sovietica, da lì passò il treno “rosso” della rivoluzione d’ottobre), è in realtà una terra di fascino e bellezza. Alcuni siti sono parte del patrimonio Unesco. Attraversato dalla via della Seta, dove passavano i commerci e che oggi si vuole ricostruire, ha come capitale Samarcanda, con il suo imponente arco di ingresso alla città. Un luogo dove si intrecciano molte culture e ricco di minareti, scuole coraniche, moschee. Ideale per tre motivi, ha un basso costo della vita, un cambio favorevole e il biglietto aereo non è poi così caro.

La seconda tappa è la Cina, che ha condizioni climatiche favorevoli, un rischio paese quasi nullo e un basso costo del biglietto aereo. E che dire dello Sri Lanka, già da tempo meta di turisti stranieri, l’isola più bella del mondo la definì Marco Polo quando vi approdò. Mare cristallino, spiagge che hanno poco da invidiare a quelle delle Maldive e strutture alberghiere ormai all’altezza. E anche per lo Sri Lanka i punti a favore sono il bassissimo costo della vita e un biglietto aereo che si può trovare facilmente a costo ridotto.

Chi non vuole allontanarsi molto, né indebitarsi per il costo del viaggio, può scegliere la Croazia, con le sue spiagge di incontaminata bellezza. Mljet, l’isola più a sud del Paese è un gioiello, circondata dalle acque più pulite al mondo. Deliziosa anche l’isola di Hvar piena di villaggi pittoreschi che profumano di lavanda. D’obbligo una visita a Zagabria, se amate girare tra i suoi vicoli pieni di negozietti e fare un salto al mercato di Dolac, il più grande mercato all’aperto di tutto il Paese. E poi c’è Dubrovnik, una bellezza fuori dal tempo, tanto è lì che la produzione ha scelto di girare la serie televisiva il “Trono di spade”. Basso il costo del volo e un rischio paese nullo, tra i più bassi in assoluto, come conferma il sito Viaggiare sicuri del ministero degli Esteri italiano.

Gli ultimi tre Paesi in classifica sono Canada, Gran Bretagna e Colombia. Il Canada perché tutto sommato ha un costo del biglietto aereo contenuto, un cambio favorevole e un rischio paese tra i più bassi. Certo non è per chi cerca il sole. Lì ad attirare sono i grandi spazi verdi, la natura incontaminata e salendo al Nord si può arrivare all’isola di Terranova e nei territori del Labrador, pieni di parchi naturali. E poi c’è Québec City, la città più antica di tutta l’America del Nord.

Nonostante il costo della vita elevato e gli attentati, il Regno Unito rimane una delle destinazioni preferite. A giocare a suo favore di quesi tempi è il cambio. Dopo il referendum sulla Brexit infatti, la sterlina ha continuato a perdere nei confronti dell’euro. Utima meta consigliata è la Colombia. Dopo la tregua siglata con i ribelli, la situazione del Paese è un po’ cambiata, grazie alla crescita economica e alla forte apertura al turismo. Una visita forse vale la pena visto che è l’unico Paese dell’America del Sud che si affaccia sui due oceani, oltre a essere considerata la culla di grandi civiltà. Ci sono poi le spiagge caraibiche dell’arcipelago del Rosario, sabbia bianca e finissima. I pregi dal lato economico? Un bassissimo costo della vita e condizioni climatica favorevoli d’estate. E se per alcuni Paesi il cambio e i costi aerei giocherebbero a loro favore, sono gli accresciuti rischi politici e dunque di sicurezza, a far sì che rimangano esclusi da questa classifica. Due per tutti, Egitto e Turchia”.

Ti potrebbe interessare

Nessun commento

Rispondi