Strict Standards: Redefining already defined constructor for class googlefonts in /home/mammewonderwomen/public_html/wp-content/plugins/wp-google-fonts/google-fonts.php on line 140
Il MIO sesto mese di gravidanza - mamme wonderwomen
100% mamma

Il MIO sesto mese di gravidanza

2 febbraio 2018

Sesto mese di gravidanza, ho superato il giro di boa già da un po’.

Più di metà cammino verso il parto, più di metà cammino verso il giorno in cui potrò stringere mia figlia e guardare i suoi occhi.

Il mio corpo è cambiato del tutto, mi sento già goffa come un elefante mentre prova a fare uno slalom, la pancia cresce a dismisura di pari passo alla fame e la piccola si fa sentire forte, si fa spazio, quasi a dire: “guardate che ci sono anche io!”

Sono finalmente entrata in un negozio solo per lei ed ho iniziato la corsa verso il “rosa”, perché quando una mamma diventa madre di una figlia femmina dopo un maschio, tu donna sappi che impazzirai letteralmente di fronte al colore per eccellenza, quel rosa che hai ammirato tanto sulle altre bambine e sognato insieme a pizzi, merletti, fiocchi, fiorellini, cuoricini e palettes.

Ora è successo anche a me:avrò una figlia femmina e non mi sembra vero!

Devo ammettere che non mi aspettavo che questo dettaglio fosse tanto entusiasmante.

È arrivato anche il tempo di pensare al parto, dove farlo, come farlo, con chi farlo. E ancora oggi, a sei mesi suonati di gravidanza non ho deciso. Mi sembra ancora così lontano, ma mancano solo tre mesi…. e quanto sono tre mesi?!?! Il tempo esatto in cui la bambina deciderà dove nascere. Questo è quello che mi piace pensare ora.

È arrivato anche il momento del nervo sciatico che non mi da tregua, delle ore di sonno diminuite e degli occhi sbarrati al buio, della pancia che diventa dura e che ogni volta mi spaventa, della voglia di nutella dopo cena, di Totò che da i baci a sua sorella, dell’olio di karitè che spalmo sul pancione, del bagno rilassante che faccio come da programma quando affronto giornate che iniziano male e finiscono peggio, dei pianti improvvisi per la solitudine di giorni troppo lunghi e soli in cui sento la mancanza delle persone a me più care.

Ma è un tempo felice, felice sopra ogni perplessità, difficoltà o paura.

Perché questo è il tempo dell’attesa, della dolce attesa e altrimenti non potrebbe essere.

Pensare che a casa ci sarà un posto in più mi da una gioia che non riesco a scrivere, forse nemmeno ad immaginare.

L’attesa continua…….

Ti potrebbe interessare

Nessun commento

Rispondi


Notice: Tema senza footer.php è deprecata dalla versione 3.0.0 senza alcuna alternativa disponibile. Includi un modello footer.php nel tuo tema. in /home/mammewonderwomen/public_html/wp-includes/functions.php on line 3984


Notice: ob_end_flush(): failed to send buffer of zlib output compression (0) in /home/mammewonderwomen/public_html/wp-includes/functions.php on line 3743