100% mamma

23 luglio 2017
img_0335.jpg

“Mamma, mi hai dettoChe la maternità sarebbe stata meravigliosa.

Ma mamma, non mi hai mai detto Cosa mi avrebbe fatto.

Come avrebbe preso la donna che ero

La donna che credeva di sapere tutto

E voleva controllare tutto

E l’avrebbe fatta fuori

e le avrebbe insegnato

che aveva tante cose da imparare.
Mamma, mi hai detto

che ci sarebbero state notti insonni

Ma mamma, non mi hai mai detto

quanto sarei potuto essere stanca

Che dormire sarebbe diventato un lusso e non qualcosa a cui ho diritto;

Ma che non ci sarebbe stato niente di più dolce di sentire il suono del loro respiro costante mentre dormivano;

E che anche tutto quello che volevo

era chiudere i miei occhi

Per altri cinque minuti,

Piccole, soffici, paffute braccia

Intorno al mio collo,

Cantando canzoni,

raccontando storie

Ridacchiando e strillando,

Mi avrebbe fatto dimenticare quanto avevo bisogno di dormire.

Mamma, mi hai detto

Che ne sarei venuta fuori un giorno alla volta.

Ma mamma, non mi hai mai detto

Che la maternità si sarebbe presa la perfezionista che c’è in me E l’avrebbe ridotta a qualcuno che non ha altra scelta che accettare Che a volte, “abbastanza buono” è abbastanza.

Mamma, mi hai detto
Che la maternità avrebbe cambiato il modo in cui penso

Ma mamma, non mi hai mai detto

Come la mia memoria di ferro avrebbe potuto essere ridotta in brandelli,

E che avrei dimenticato,

Sbagliato posto,

E confuso le cose;

Ma che avrei ricordato più chiaramente

il peso dei loro piccoli corpi caldi

la prima volta che li ho tenuti in braccio.

Mamma, mi hai detto

Che la maternità mi avrebbe insegnato l’altruismo.

Ma mamma, non mi hai mai detto

Come, a volte, mi sarei sentita come se la mia indipendenza, La mia libertà, il mio tempo, il senso di me stessa, fossero portati via del tutto.

E che mi sarei sentita in colpa a volte sperando di poter avere tutto indietro;

Ma che in realtà, è un privilegio essere necessari a qualcuno

Così profondamente

E che la maternità mi avrebbe regalato

 così tanti momenti preziosi da togliermi il fiato.

Mamma, mi hai detto

Che la maternità avrebbe cambiato le mie priorità.

Ma mamma, non mi hai detto delle preoccupazioni. Di quanto mi sarei preoccupata.

Sono felici? Sono in buona salute?

Stanno bene?

Io sono abbastanza?

Non sapevo che qualcun altro avrebbe

totalmente e completamente

Consumato ogni mio pensiero

E che tutto il resto sarebbe diventato

non importante,

Secondario,

fintanto che i miei figli fossero felici.

Mamma, mi hai detto

Che sarebbe stata una gioia vederli crescere.

Ma mamma, non mi hai mai detto

Quanto velocemente il tempo sarebbe passato;

Come le ore, i giorni, le settimane e i mesi

sarebbero fuggiti

dalle mie dita

Così in fretta

Che all’improvviso mi sarei ritrovata a guardare un ragazzo invece di un bambino;

Un bambino invece di un neonato;

E implorare il tempo di essere un po ‘ più gentile e che mi aspettasse per recuperare.

Mamma, mi hai detto

Che la maternità avrebbe dovuto insegnarmi le cose.

Ma mamma, non mi hai mai detto

Come diventare una madre mi avrebbe messo alla prova

E spingermi

E farmi dubitare di me stessa

E portarmi a pensare che stavo facendo tutto sbagliato;

Ma che con ogni prova, ogni spinta, ogni momento

avrebbe potuto insegnarmi

Come essere migliore

Come si fa ad essere più forte

E che sarei stata in grado di farlo. 

Mamma, mi hai detto che mi hai amato.

Ma mamma, non mi hai mai detto quanto l’amore potesse correre così ferocemente nelle vene;

Come ogni altro tipo di amore

Che io abbia mai sentito

non è stato niente del genere.

Come sarebbe stato un amore che mi ha insegnato a dare più di quanto avrei mai pensato di poter dare, e, in qualche modo, a voler dare ancora di più quando penso che non ho più niente,

E ad essere grata per la più semplice delle gioie.”

(Dal web)

Ti potrebbe interessare

Nessun commento

Rispondi